Si son fatte le undici

Oggi è il giorno che ho rotto con il mio passato ho riordinato l’armadio appeso in ordine i miei vestiti ho messo in fila tutte le mie scarpe mi guardano dallo scaffale oggi è il giorno che ho rotto il mio passato – mi sono accorta solo adesso che si son fatte le 11.00

oggi è il giorno che ho rotto il mio passato e adesso sto immobile come un soprammobile lungo l’argine del letto muta come un sasso – io sono un soprammobile o un sasso – e non piango e non mi perdono ma dei contorsionismi voglio fare a meno e delle mie cattive abitudini al massimo volume anche

voglio qualcosa che ancora non so ma lo voglio bianco perfetto nella forma come un cerchio che non si apre e non si chiude senza un prima e un dopo lo voglio che esiste da sempre senza sofferenza nel respiro il miracolo di linee tracciate senza violenza lo voglio che abbia un senso di universale

 

When you’re gone, The Cranberries

 

 

 

 

Commenta l'articolo