Pina e Ulisse il gatto strabico

La Pina è strabica e Ulisse il suo gatto è strabico pure lui. Ci è diventato per gratitudine: era rimasto incastrato nella recinzione del vecchio pollaio e si era procurato un’infezione purulenta.

Corri corri all’ospedale zumpapà l’ospedale era chiuso zumpapà corri corri in farmacia il dottore era via 

Così la Pina lo aveva guarito a forza di impacchi d’acqua e sale e giorno dopo giorno s’è fatto profondo quel legame d’essere insieme sempre meno randagi.
Ulisse viene a fare la cacca tra le mie rose selvatiche ogni mattina e le mie rose selvatiche sono rigogliose. La Pina dice che la cacca di Ulisse fa bene anche all’orto e che le vengono i pomodori giganti che con uno ci mangiano in sei.

Morale della favola
Ulisse è diventato strabico per riconoscenza ma sarebbe stato meglio il contrario che alla Pina le si fossero raddrizzati gli occhi

Give me one reason, Tracy Chapman

Commenta l'articolo