Me ne vado

Me ne vado

ti lascio nella sera

è tardi

pochi passanti

i vicoli di notte

sono viscere buie

qualche nuda povertà

due monete nel cappello del mendicante e del suo cane che dorme mite

pesto l’umido del lastricato

una donna disadorna

lunghi capelli al petto

le ginocchia ancora adolescenti

cammina lenta

nella sua vita violenta

 

Everybody hurts, R.E.M.

Commenta l'articolo