Era furioso il mio femminile

Hanno retto il mondo le mie spalle

prima di chiudersi sul petto e dare  riparo al cuore

ho avuto una paura che era paralisi

io avevo mani che non sapevano

gli occhi pesti

puntati come un fucile contro altri occhi

e sparavo cazzo

sparavo per fare centro

per appendere il mio trofeo nella sala da pranzo

era furioso il mio femminile

e non riuscivo a farmi penetrare da nessuna parte

senza che suonasse la sirena del crimine

un divieto d’accesso

un apparato appartato

cervice nebbia

non passava lo schifo

e la puzza di bestia

era furioso il mio femminile

sì che lo era

ma guardami ora

sulle tue ginocchia

ti ho portato tutta la mia pelle

 

What else is there, Royksopp

 

 

 

 

Commenta l'articolo